Convivenza more uxorio – casa di abitazione – potere di fatto – detenzione qualificata – Restituzione beni acquistati dall’ex – obbligo – sussistenza – beni di stretta necessità dei figli – esclusione

La convivenza more uxorio determina, sulla casa di abitazione ove si svolge e si attua il programma di vita in comune, un potere di fatto basato su di un interesse proprio del convivente, che assume i connotati tipici di una detenzione qualificata.

Il convivente more uxorio deve restituire all’ex i beni da lui acquistati, anche se la casa è stata gli è stata assegnata per viverci con i figli minori. Dalla restituzione vanno esclusi i beni di stretta necessità dei figli e individuarli spetta alle parti che possono risolvere l’eventuale conflitto sul punto davanti al giudice della famiglia. (Cassazione civile, sentenza n. 4685 del 23 Febbraio 2017),

LinkedIn
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us
INSTAGRAM
Wordpress blog