Contratto  definitivo  successivo al  preliminare –  unica fonte dei diritti e delle obbligazioni inerenti al negozio voluto. Conformita’ del nuovo accordo alla volonta’ delle parti-  presunzione relativa  

Nel caso in cui le parti, dopo avere stipulato un contratto preliminare, abbiano stipulato il contratto definitivo, quest’ultimo costituisce l’unica fonte dei diritti e delle obbligazioni inerenti al negozio voluto, in quanto il contratto preliminare, determinando soltanto l’obbligo reciproco della stipulazione del contratto definitivo, resta superato da questo, la cui disciplina puo’ anche non conformarsi a quella del preliminare, salvo che le parti non abbiano espressamente previsto che essa sopravviva.

La presunzione di conformita’ del nuovo accordo alla volonta’ delle parti puo’, nel silenzio del contratto definitivo, essere vinta soltanto dalla prova – che deve risultare da atto scritto, ove il contratto abbia ad oggetto beni immobili – di un accordo posto in essere dalle stesse parti, contemporaneamente alla stipula del definitivo, dal quale risulti che altri obblighi o prestazioni, contenuti nel preliminare, sopravvivono al contratto definitivo; e che tale prova, secondo le regole generali del processo, va data dall’attore, trattandosi di fatto costitutivo della domanda con la quale egli chiede l’adempimento di un obbligo che, pur riportato nel contratto preliminare, egli puo’ far valere in forza del distinto accordo intervenuto fra le parti all’atto della stipula del contratto definitivo  (Cassazione  civile, ordinanza  14 marzo 2018).

 

LinkedIn
Facebook
Facebook
Google+
Google+
https://www.studioruggeri.it/contratto-definitivo-successivo-al-preliminare-unica-fonte-dei-diritti-e-delle-obbligazioni-inerenti-al-negozio-voluto-conformita-del-nuovo-accordo-alla-volonta.html
Wordpress blog