passeggero –  negato imbarco o cancellazione o  ritardato arrivo dell’aeromobile -risarcimento danno – onere  della prova –  fonte negoziale del diritto e termine di scadenza 

Il passeggero che agisca per il risarcimento del danno derivante dal negato imbarco o dalla cancellazione (inadempimento) o dal ritardato arrivo dell’aeromobile rispetto all’orario previsto (inesatto adempimento), deve fornire la prova della fonte (negoziale) del suo diritto e il relativo termine di scadenza, ossia deve produrre il titolo o il biglietto di viaggio o altra prova equipollente, potendosi poi limitare alla mera allegazione dell’inadempimento del vettore. Spetta a quest’ultimo, convenuto in giudizio, dimostrare l’avvenuto adempimento, oppure che, in caso di ritardo, questo sia stato contenuto sotto le soglie di rilevanza fissate dall’articolo 6, comma 1, del Regolamento CE n. 261/2004 (Corte di Cassazione,  ordinanza 23 gennaio 2018, n. 1584)

LinkedIn
Facebook
Facebook
Google+
Google+
https://www.studioruggeri.it/passeggero-negato-imbarco-o-cancellazione-o-ritardato-arrivo-dellaeromobile-risarcimento-danno-onere-della-prova-fonte-negoziale-del-diritto-e-termine-di-scaden.html
Wordpress blog