articolo 2051 c.c. – responsabilità  custode  – danni  cagionati da cosa custodita – criterio di imputazione  responsabilità caso fortuito  –  fatto naturale o del terzo-   imprevedibilita’ ed inevitabilita’  da un punto di vista oggettivo   – 

L’articolo 2051 c.c., nel qualificare responsabile chi ha in custodia la cosa per i danni da questa cagionati, individua un criterio di imputazione della responsabilita’ che prescinde da qualunque connotato di colpa, sicche’ incombe al danneggiato allegare, dandone la prova, il rapporto causale tra la cosa e l’evento dannoso, indipendentemente dalla pericolosita’ o meno o dalle caratteristiche intrinseche della prima.

Il caso fortuito, rappresentato da fatto naturale o del terzo, e’ connotato da imprevedibilita’ ed inevitabilita’, da intendersi pero’ da un punto di vista oggettivo e della regolarita’ causale (o della causalita’ adeguata), senza alcuna rilevanza della diligenza o meno del custode; peraltro le modifiche improvvise della struttura della cosa incidono in rapporto alle condizioni di tempo e divengono, col trascorrere del tempo dall’accadimento che le ha causate, nuove intrinseche condizioni della cosa stessa, di cui il custode deve rispondere” (Cassazione civile,  ordinanza 1 febbraio 2018, n. 2482)

 

 

LinkedIn
Facebook
Facebook
Google+
Google+
https://www.studioruggeri.it/articolo-2051-c-c-responsabilita-custode-danni-cagionati-da-cosa-custodita-criterio-di-imputazione-responsabilita-caso-fortuito-fatto-naturale-o-del.html
Wordpress blog