mediazione – riconoscimento  diritto  alla provvigione –  nesso eziologico diretto ed esclusivo tra l’attivita’ svolta dal mediatore  e la conclusione dell’affare – necessità – esclusione 

Ai fini del riconoscimento del diritto del mediatore alla provvigione, non e’ richiesto un nesso eziologico diretto ed esclusivo tra l’attivita’ svolta da questi  e la conclusione dell’affare, essendo sufficiente che il mediatore abbia messo in relazione le parti, cosi’ da realizzare l’antecedente indispensabile per pervenire alla conclusione del contratto, secondo i principi della causalita’ adeguata (Cassazione civile, ordinanza  16  gennaio 2018, n.869)

LinkedIn
Facebook
Facebook
Google+
Google+
https://www.studioruggeri.it/mediazione-riconoscimento-diritto-alla-provvigione-nesso-eziologico-diretto-ed-esclusivo-tra-lattivita-svolta-dal-mediatore-e-la-conclusione-dell.html
Wordpress blog